Cause Sanitarie - Icona Freccia ScrollTop

CONSEGUENZE DI ISTERECTOMIA

La Sig.ra Caia, nell’ottobre del 2014, si sottoponeva ad un intervento di isterectomia presso un Ospedale romano.

A causa di perdite di urina dalla vagina, si recava presso l’ambulatorio ginecologico del predetto Ospedale dove veniva sottoposta a cateterismo vescicale a permanenza.

Seguivano quattro ulteriori accessi presso un diverso Ospedale per diverse complicanze (ostruzione del catetere e cistite; difficoltà nella minzione; per ritenzione acuta urine e febbre).

Dal momento che una Uro-Tc che documentava un tramite fistoloso vescico-vaginale con stravaso di mdc in vagina, veniva ricoverata per intervento chirurgico di riparazione laparoscopica della fistola vescico-vaginale iatrogena e dimessa con catetere vescicale.

FISTOLA VESCICO-VAGINALE COME CONSEGUENZA DELL’ISTERECTOMIA ESEGUITA MALE 

Solo dopo diversi mesi a Caia veniva rimosso definitivamente il catetere, lasciando quali danni permanenti una sensazione di vescica piena a cui segue minzione scarsa, assenza di stimolo alla minzione ed episodi di infezioni urinarie ricorrenti.

Nel caso in esame, l’intervento di isterectomia è stato eseguito in modo tecnicamente scorretto e Caia ha subito una lesione vescicale che non è stata riconosciuta e diagnostica in sede intra-operatoria mediante controllo dell’integrità del viscere ed ha condotto alla formazione della fistola, con tutti i pregiudizi che ne sono conseguiti.

Per Caia è stato richiesto il risarcimento del danno non patrimoniale.

Se anche tu pensi di essere stato vittima di malasanità e intendi chiedere un giusto risarcimento…

Ultime dal Blog

Cause Sanitarie - Logo
Policy & Credits
  • © 2016 - 2019 Cause Sanitarie
  • All Rights Reserved
  • Privacy Policy
  • Cookie Policy
  • Powered by APP Saluta Cause Sanitarie